Cortese Way

I ristoranti stellati non guadagnano? Ci pensa lo chef Akihiro Horikoshi al "La table d'Aki" a Parigi

Un ristorante grande quanto una stanza, dove dentro c'è tutto, sala e cucina, zona lavaggio inclusa.

Lui è Akihiro Horikoshi, scarsi vent'anni trascorsi in uno dei più rinomati ristoranti parigini, l'Ambroisie.

La sua "La Table d'Aki" è la risposta a chi sostiene, in molti casi con qualche cognizione di causa, che i ristoranti stellati guadagnino poco o a volte per niente.

il suo ristorante, nemmeno venti posti a sedere, si avvale della mano d'opera di sole due persone: lui, Aki, e una ragazza in sala, cioè all'ingresso. 

La cucina non è a vista, come capita di frequente nei ristoranti più modaioli, ma in pratica ci sei dentro. Il cuoco, tre persone in una, chef, sous chef, e anche lavapiatti, tutto in diretta, sembra quasi robottizzato, non concedendo agli ospiti nemmeno un veloce sguardo.

Ogni cosa, al "La Table d'Aki, è espresso in sintesi.

Tutto il resto è in linea, pochi piatti, ma buoni. La carta dei vini? E' proprio una carta, nel senso di un foglio. 

Il conto, ovviamente, non è pretenzioso.

Un'esperienza insolita, però da provare. 

Al numero 49 della Rue Vaneau.

 

comments powered by Disqus
 
 
Iscriviti alla Newsletter

Ricevi le ultime notizie e scopri offerte esclusive e promozioni.

Iscriviti
Members only

Accedi alla area riservata

Accedi